News

Il cammino del Sapiente – Laura et Lory #mèpiaciuto

venerdì 27 dicembre 2019

Il cammino del Sapiente (di Federica Soprani – Triskell) #mèpiaciuto

Ritengo che ogni libro sia un viaggio e se non ho dato 5 stelle a questo romanzo è perché il viaggio è solo all’inizio.

Ritengo che al centro stesso dell’immaginario collettivo ci sia la forza di chi riesce a creare mondi e a raccontarli.

L’autrice ci riesce, ci prende per mano e con una scrittura ricca e fluente ci fa da guida, portandoci a scoprire Briden. Un ragazzo solo, indifeso, studioso, dimesso, oppresso dal costante confronto con un gemello ingombrante. L’autrice porta questo giovane uomo a confrontarsi con due personaggi potenti, prepotenti, forti, volitivi. Lo immaginiamo, quindi, schiacciato, manipolato, sottomesso il nostro Briden. E invece… invece il cammino conduce il Sapiente a scoprire ben più di una città rutilante e una corte sfarzosa, più della realtà dei propri desideri e sentimenti. Briden non indossa altri gioielli che se stesso, e sfavilla e abbaglia un re che molti temono, a ragione, e un mistero vivente come Maddox il Bastardo, fratellastro e amante del re. Non fate l’errore di considerarlo solo un fantasy, tanto meno un semplice m/m. Ci sono uomini che si amano, sì. Ci sono momenti di coinvolgimento totale dei sensi. Ma la storia si nutre di questo senza essere solo questo. Poiché è il primo volume di una trilogia, non possiamo immaginare dove il viaggio ci condurrà. E quanto ci sarà da soffrire. Le ombre incombono su Briden, su re Uther, su Maddox. Aspettiamo con ansia il secondo volume e intanto godiamo del piacere più antico del mondo: quello di una storia ben narrata.

Prima domanda: bisogna dirlo chiaro, spesso nei fantasy le descrizioni sono un fardello feroce sulle spalle del povero lettore. Poi arrivi tu e ci mostri quadri, squarci, vere e proprie fotografie. Di più, ci fai sentire i profumi, i sussurri, gli aromi. Svela il tuo segreto: tu a Llyle ci vivi, non è così?

Potrei rispondere “Magari”. Di certo mi piace aggirarmi tra le sue strade e le sue piazze, riempirmi gli occhi della sua bellezza, le orecchie del suo frastuono, il naso dei suoi profumi. Ho sempre avuto questa sindrome del dover entrare a tutti i costi in luoghi che esistevano solo nella mia mente, e, da quando ho iniziato a scriverne, mi ha preso l’urgenza di renderli visibili (e visitabili) anche per chi mi legge. Forse ha a che fare con il fatto che da quando avevo quindici anni ho iniziato a essere un Master nei giochi di ruolo, Dungeons and Dragons in primis. Per me è sempre stato un imperativo categorico portare i miei giocatori dentro i mondi che creavo per loro, immergerli il più possibile nell’atmosfera dell’ambientazione all’interno della quale si muovevano. Non a caso, la maggior parte dei miei racconti fantasy sono ambientati nello stesso continente, Kessarine.

Daederian invece l’ho creato appositamente per Il cammino del Sapiente, ma la situazione mi sta già sfuggendo di mano, perché sono già nati un paio di racconti, completamente slegati dal romanzo, ambientati nei suoi territori.

Giochi di ruolo a parte, posso dire a mia discolpa che sono cresciuta leggendo alcune autrici fantasy che hanno saputo fare dell’ambientazione e della descrizione degli scenari un loro marchio di fabbrica inarrivabile, Tanith Lee per prima. E a Tanith devo anche molti altri aspetti della mia scrittura. Ma niente spoiler…

Seconda domanda: quali sono i tuoi numi tutelari, narrativamente parlando?

La già citata Tanith Lee. Lessi il suo Rossa come il sangue, declinazione vampirica personalissima della favola di Biancaneve, quando avevo quindici canni (cavolo, quando avevo quindici anni sono successe un casino di cose!!), e dopo quel racconto ho iniziato a cercare forsennatamente libri suoi. Il Ciclo delle Terre Piatte lo considero forse la sua opera migliore, anche se ha scritto talmente tanto, spaziando tra fantasy, horror e fantascienza, che sarebbe difficile esprimere un parere obiettivo. Cyron, il suo cavaliere dai capelli color dell’alba, protagonista dell’omonima raccolta di racconti, è stato il padre (e anche la madre) di moltissimi miei personaggi, in particolare di Chrysale, sui cui ho scritto una serie di racconti che spero prima o poi di pubblicare.

Poi sicuramente Angela Carter, altra autrice prolificissima, creatrice di ambientazioni e atmosfere inarrivabili e di personaggi indimenticabili. La conobbi per caso, dopo aver visto il film di Neil Jordan In compagnia dei lupi. O forse fu la mia amica Sonia a regalarmi un suo libro quando compiei… quindici anni? possibile… Il libro era La camera di sangue, ancora una raccolta di favole rivedute e corrette, tra cui quel In compagnia dei lupi da cui Jordan ha tratto il suo splendido film, ma soprattutto perle come La signora della casa dell’amore, o Il re degli gnomi. Una scrittura ricca, sontuosa, sensuale. Ancora oggi rileggendo qualsiasi cosa scritta da lei mi sento gradevolmente intossicata.

Terza musa è un’altra donna, Paola Capriolo. Sempre Sonia, alla quale devo molto della mia educazione adolescenziale, mi regalò La grande Eulalia, raccolta di racconti pubblicata dalla Capriolo quando aveva appena 24 anni, che vinse nel 1988 il Premio Berto per l’Opera Prima. Racconti fiabeschi, magici, permeati di quella materia sottile e ineffabile che separa il mondo reale da quello dei sogni, e che a volte diviene così rarefatta da consentire il passaggio di suggestione e presenze da un mondo all’altro. Oltre alla Grande Eulalia, ho amato della Capriolo in particolare il NocchieroUna di loroCon i miei mille occhiQualcosa nella notte. Storia di Gilgamesh, signore di Uruk, e dell’uomo selvatico cresciuto tra le gazzelle, ma soprattutto Vissi d’amore, personalissima rivisitazione della storia di Tosca, vista dagli occhi del Barone Scarpia.

Terza domanda: si può avere l’indirizzo di Maddox?

Volentieri! Al momento non posso rivelarlo, perché rischierei di spoilerare cosa sta succedendo nel secondo libro. Ma ci possiamo mettere d’accordo in separata sede…

Quarta domanda (tornando serie): se dovessi scegliere un tuo romanzo nel quale trasferirti con armi e bagagli, quale sceglieresti?

Come tornando serie? Niente Maddox? Ok, lo hai detto tu…

Un romanzo in cui trasferirmi? Domanda insidiosa. Con tutti i casini che faccio capitare ai miei personaggi non farei certo un favore a me stessa a volermi impantanare nella loro stessa situazione. Comunque direi Luthais, in fase di scrittura, perché permette a persone apparentemente normali di entrare in contatto con un mondo meraviglioso e terribile. Forse non sopravvivrei a lungo, ma ne varrebbe la pena.

Quinta domanda: dicci del secondo volume o di qualsiasi progetto tu abbia in piedi onde sanare l’astinenza dalla tua scrittura.

Luthais me lo sto portando avanti da anni. Tengo moltissimo a questa ambientazione, nata nell’ambito di un gioco di ruolo, come spesso accade con i mondi che creo. Ho impiegato tantissimo ha trovare la strada per raccontare di questa ambientazione, ma alla fine credo di averla trovata. Il problema è che, vista la natura del luogo di cui parlo, ogni volta che sono costretta ad allontanarmene è difficilissimo tornarci dentro. Spero che i suoi cancelli rimangano sempre aperti per me.

Per quanto riguarda la trilogia di Daederian, il secondo volume si chiama L’Ordalia del Bastardo, e ha come protagonista proprio Maddox. Quando ho deciso di scrivere questa storia ho pensato subito di incentrare ognuno dei tre volumi in particolare su uno dei tre protagonisti, ma non aveva capito all’inizio quanto questa scelta avrebbe portato ciascuno di loro a intraprendere un cammino interiore (e non) fatto di esperienze belle e brutte, dolorose e appassionanti, per accedere a un nuovo livello di sé. Con Briden era più intuibile, perché la sua stessa natura di Sapiente lo portava a percorrere un cammino di evoluzione e presa di coscienza. Ma alle fine mi sono resa conto che Maddox e Uther, ciascuno a suo modo, sebbene diano l’impressione di essere uomini giù maturi e arrivati, devono ancora scoprire molte cose di loro stessi. Il loro cammino sarà molto più difficile.

Grazie infinite per avermi dato la possibilità di rispondere a queste domande e per aver apprezzato Il cammino del Sapiente. Quando vuoi tornare a Llyle sarai sempre la benvenuta!

Published: 27 Dicembre 2019

Il cammino del Sapiente- Crosswords, incroci di parole

“Il cammino del sapiente” di Federica Soprani (Cronache di Daederian vol.1) – Triskell Edizioni

Con “Il Cammino del sapiente” inizia una serie fantasy che si prospetta davvero insolita e interessante. Un romanzo in cui tutto viene sviluppato con lenta accuratezza, lasciando il lettore in attesa di scoprire cosa ci riserveranno i capitoli successivi.

Titolo: Il cammino del sapiente

Autore: Federica Soprani

Serie: Cronache di Daederian vol.1

Casa Editrice: Triskell Edizioni

Data di pubblicazione: 6 Dicembre 2019

Genere: Fantasy

Acquista su Amazon

Briden Larsen proviene da una ricca e nobile famiglia, ma ormai da anni vive alla Torre dei Sapienti. Il suo allontanamento dai genitori e dai fratelli è stato totale, nessuno di loro si è più interessato di lui. Il timore di uno scandalo per una colpa non ancora commessa, ha reso i suoi congiunti ben felici di dimenticarsi della sua persona. Eppure ora le cose sono cambiate drasticamente. L’algida sorella dopo essere riuscita a farsi sposare dal re, impresa a cui ha dedicato tutta la sua giovane vita, ha commesso un errore imperdonabile. Ripudiata è tornata alla famiglia in disgrazia. Accompagnata nel mesto ritorno dal fratello gemello di Briden, Blane. Il ragazzo, che era capace di farsi amare da tutti e che racchiudeva in se ogni dote cavalleresca, ora versa in gravissime condizioni che nessuno si sa spiegare. È solo per amor suo, che Briden torna nel castello di Roccabruna. Ma una volta giuntovi, scoprirà che il padre vuole incaricarlo di una missione quasi impossibile. Andare a corte e rimediare al danno che il comportamento dei fratelli ha arrecato alla loro casata. Per il giovane sapiente quell’incarico non voluto sarà l’inizio di una nuova vita. Per la prima volta si sentirà libero dal biasimo della sua famiglia. È vero, la corte di Llyle nasconde insidie ed intrighi, ma gli permetterà anche di conoscere due uomini dal fascino dirompente, che daranno una nuova direzione al suo cammino.

Eppure il pericolo è più vicino di quanto creda, e quando tutto sembra andare per il verso giusto, si troverà a fare i conti con un nemico sconosciuto.

Il primo capitolo di questa serie è un libro in cui l’azione ha poco spazio. Vi è invece la maniacale costruzione di un mondo dai risvolti medievali e la ricercata caratterizzazione dei protagonisti. Conosciamo così Miriana, la sorella di Briden, una donna allevata per essere la sposa di un Re, piena di rancore ed astio. Le sue azioni sembrano quelle di una folle, eppure è facile intuire, che il suo carattere solo all’apparenza docile, sia stato devastato dal vedere se stessa messa da parte, per i tanti amanti che si sono succeduti nel letto del marito. Uther è un guerriero più che un Re, non ama il cerimoniale di corte, si aspetta di essere ubbidito da chiunque tranne che dal fratellastro Maddox ,a cui permette molte libertà. È un personaggio dominante, capace di grande violenza ma anche generoso con coloro che sono nelle sue grazie. Il rapporto fra lui e il fratellastro è veramente particolare, sono amici, complici, amanti legati indissolubilmente fin dall’infanzia. Maddox deve al Re la vita, lo ha salvato da una prigionia che ha devastato il suo animo e di cui non ha mai rivelato i particolari. Ferocemente fedele, passa da un eccesso all’altro ma ne si intuisce il tormento.

 Nessuno aveva osato avvicinarsi. Solo Uther. Un passo dopo l’altro, lentamente, si era portato davanti a Maddox. Sotto la massa arruffata e incrostata di sangue dei capelli, quest’ultimo non aveva dato segno di averlo riconosciuto. Uther si era fermato, le braccia lungo i fianchi, la spada con cui fino a poco prima si era fatto strada tra i nemici ancora stretta in pugno. Lo aveva chiamato per nome, e il volto di Maddox si era deformato in una smorfia, seppure solo per un istante. Sembrava una bestia sofferente, atterrita, in procinto di attaccare per difendersi. O di mettersi a piangere. Prima che qualcuno potesse impedirglielo, Uther aveva colmato la distanza che li separava e lo aveva avvolto tra le braccia. Il corpo di Maddox si era irrigidito, come se fosse stato colpito da una frustata, e Uther aveva pensato che lo avrebbe aggredito, con le mani, con i denti. Che avrebbe cercato di farlo a pezzi. Ma non era accaduto.

Nel loro insolito rapporto si fa largo lentamente Briden, entrambi gli uomini sono affascinati dal suo carattere sicuro e tranquillo. Non aspettatevi però parole romantiche e sentimenti dichiarati, perché non è così che questi uomini vivono la loro sessualità. Sono passionali e dominatori, i loro rapporti fisici sono rudi e carnali, niente nel loro carattere racchiude dolcezza. Eppure nonostante questo si avverte l’attrazione e il legame fortissimo che li unisce. Per quanto riguarda i personaggi femminili, in questo primo capitolo la loro comparsa è sporadica, e per quanto si prospettino interessanti ben poco spazio hanno negli eventi.

Scritto con uno stile ricercato ed intrigante, Il cammino del Sapiente riesce ad incuriosire. È una storia ancora tutta da scoprire, sono pochi gli indizi che l’autrice ha rivelato, al momento sembra aver messo i vari personaggi su un’immaginaria scacchiera pronti per le prossime mosse, chiudendo questo primo libro con un cliffhanger. Una situazione tale, che il lettore rimane con la curiosità di sapere come gli eventi evolveranno e quale sia il nemico che trama nell’ombra. Insolito e originale, si è rivelato una lettura veramente piacevole ed interessante.

Recensione: Lucia63

Editing: Roberta

Published: 27 Dicembre 2019

Il Cammino del Sapiente – Laura Costantini su Goodreads

Recensione

Ritengo che ogni libro sia un viaggio e se ho dato solo 4 stelle a questo romanzo è perché il viaggio è solo all’inizio.
Ritengo che al centro stesso dell’immaginario collettivo ci sia la forza di chi riesce a creare mondi e a raccontarli.
L’autrice ci riesce, ci prende per mano e con una scrittura ricca e fluente ci fa da guida, portandoci a scoprire Briden. Un ragazzo solo, indifeso, studioso, dimesso, oppresso dal costante confronto con un gemello ingombrante. L’autrice porta questo giovane uomo a confrontarsi con due personaggi potenti, prepotenti, forti, volitivi. Lo immaginiamo, quindi, schiacciato, manipolato, sottomesso il nostro Briden. E invece… invece il cammino conduce il Sapiente a scoprire ben più di una città rutilante e una corte sfarzosa, più della realtà dei propri desideri e sentimenti. Briden non indossa altri gioielli che se stesso, e sfavilla e abbaglia un re che molti temono, a ragione, e un mistero vivente come Maddox il Bastardo, fratellastro e amante del re. Non fate l’errore di considerarlo solo un fantasy, tanto meno un semplice m/m. Ci sono uomini che si amano, sì. Ci sono momenti di coinvolgimento totale dei sensi. Ma la storia si nutre di questo senza essere solo questo. Poiché è il primo volume di una trilogia, non possiamo immaginare dove il viaggio ci condurrà. E quanto ci sarà da soffrire. Le ombre incombono su Briden, su re Uther, su Maddox. Aspettiamo con ansia il secondo volume e intanto godiamo del piacere più antico del mondo: quello di una storia ben narrata

Published: 16 Dicembre 2019

Il Cammino del Sapiente – Coccole tra i libri

RECENSIONE: “Il cammino del sapiente (Cronache di Daederian Vol. 1)” di Federica Soprani

Titolo: Il cammino del sapiente 
Autore: Federica Soprani
Editore: Triskell Edizioni
Genere: Fantasy
Data uscita: 06 dicembre 2019
Prezzo: e-book € 3,74 cartaceo € 12,75
Pagine: 297
Sinossi:
Briden Lanser vive già da sette anni alla Torre dei Sapienti. Il Cammino che ha intrapreso lo soddisfa e lì, nel bel mezzo delle montagne, ha tutto ciò di cui ha bisogno: amici, affetti, lavoro. Il passato che ha cercato di lasciarsi alle spalle torna prepotentemente a reclamarlo quando i suoi genitori lo costringono a tornare a Roccabruna. Lo attende un incarico diplomatico di estrema delicatezza: Re Uther, sovrano di Daederian, ha ripudiato la sorella di Briden, Miriana, e ha cacciato Blane, il suo gemello, afflitto ora da un male tanto oscuro quanto privo di soluzioni.
Nella corte splendida e corrotta di Llyle, Briden scoprirà che il Cammino che la sorte gli ha destinato nasconde più insidie del previsto, e che portarlo a termine e diventare un Sapiente significa abbracciare quelle pulsioni che ha a lungo soffocato, rischiando di smarrire prima di tutto se stesso.
Ma mentre lui si dibatte tra i suoi desideri e le sue paure, nubi di tempesta si affacciano sull’orizzonte di Daederian.
Non solo Briden il Sapiente, ma anche Uther e Maddox il Bastardo, uniti da sempre da un legame apparentemente indissolubile, dovranno presto fare i conti con un nemico ben più grande e terribile delle loro passioni.
Recensione:
 
No, Briden Lanser cavalcava alla volta di Roccabruna, sotto il cielo che si scioglieva in pioggia, non per confortare l’orgoglio pugnalato di suo padre, o per raccogliere le lacrime di disonore di sua madre. Non stava ritornando alla sua famiglia per ascoltare come Miriana avrebbe difeso la propria condotta, indicando altrove le cause del suo fallimento, imputandole ad altri. Suo fratello stava male. Nient’altro gli importava. Nient’altro avrebbe potuto riportarlo a casa.
 
Vi siete mai trovati a leggere un libro che pensavate di prendere un po’ sottogamba e poi vi ritrovate, inaspettatamente, a divorare quelle stesse pagine per conoscerne tutti gli aspetti, tutto ciò che coinvolge i protagonisti, smaniare per arrivare a vedere la felicità sui volti di chi vi ha rapito il cuore? Allora, proprio come me, vi siete imbattute in Federica Soprani, l’autrice di questo fantasy, che dire mi ha entusiasmata è dire poco, la sua scrittura è meravigliosa, lo stile diventa quasi poetico nel descrivere dettagliatamente le scene, ogni personaggio mi ha coinvolto positivamente e mi ha appassionata alle proprie vicissitudini.
Uther, Maddox e Briden vi coivolgeranno, vi esalteranno e vi faranno arrabbiare, qualcuno potrà, anche, trovarsi a buttare un occhio disgustato verso i 3, ma bisogna andare oltre, guardare con gli occhi del cuore, che non sbaglia mai, pur non accontentando tutti alla stessa maniera.
«La mia Volpe argentata…» sussurrò il Re nel suo orecchio. La bocca di Maddox, soffocata dal cuscino, si piegò in un sorriso che l’altro non poteva vedere ma solo indovinare, e una lacrima solitaria rimase impigliata tra le sue ciglia scure. Erano solo ragazzi quando Uther aveva preteso di modificare il proprio emblema personale facendo aggiungere al lupo nero degli Aramor una volpe argentea. Ora le due fiere si stagliavano avvinte sul fondo rosso sangue degli stendardi del Re, sebbene solo in pochi a corte comprendessero quel simbolo.
La sinossi è esplicita, c’è un rapporto da capire e afferrarne l’essenza che coinvolge due tra i tre protagonisti, ma anticiparvene i dettagli per me è una mancanza di rispetto per chi deve ancora leggere il testo, per cui come è ormai mia abitudine accendo la vostra curiosità con le stesse parole dell’autrice che rendono in maniera magnifica ciò che io, in punta di piedi, cerco di trasmettervi.
«Tu mi appartieni, così come la tua carne, il tuo sangue, la tua anima,» gli aveva soffiato a fior di labbra Uther.
La storia non si conclude con questo volume, quindi adesso aspetto anelante il prosieguo della storia per ritrovare, in primis, Briden e conoscere ciò che Maddox nasconde nel suo cuore e le reazioni di Uther, quando si ritroveranno di nuovo.
A Federica Soprani un grazie di cuore per avermi emozionato, per avermi deliziato con la sua fine scrittura e per averci fatto dono di questi stupendi protagonisti. Buona lettura, alla prossima.
«Tornerà qui, da noi, perché è questo il suo posto, questa la sua casa,» continuò a sussurrare, imprigionando i movimenti convulsi di Maddox nella morsa ferrea del suo amore. «Con te, con me, con chi lo ama. Te lo giuro, fratello mio.»
5 abbracci
Saluinadia

Published: 16 Dicembre 2019

Il Cammino del Sapiente – Amazon Customer

Amazon Customer
4,0 su 5 stelle

14 dicembre 2019

Formato: Formato KindleAcquisto verificato
Buongiorno
Questo romanzo è bellissimo, non farò il racconto perché ci sono già tanti commenti da cui si evince di cosa racconta il libro. Il mio commento è per l’editore? Non si può pubblicare un libro così bello e tanto ricco di indizi, luoghi, personaggi e poi farlo finire quando sta cominciando dopo una lungo inizio (scusate il giro di parole), quindi mi auguro che al più presto possiate pubblicare il seguito.

Published: 16 Dicembre 2019