Ultime notizie

Un Posto per Ricominciare: Antologia di racconti Rainbow

A Chorus Rainbow AA.VV.

Un gruppo di autori arcobaleno si sono uniti per aiutare, con le loro storie, chi si trova in difficoltà solo a causa della propria identità di genere e/o sessualità. I guadagni totali dei libri pubblicati vengono donati ad associazioni LGBTQIA+

Diciotto racconti Rainbow, diciotto mondi e viaggi tra il reale o il fantastico, tra il presente o il passato e un libro, ogni volta diverso, per illuminare il percorso fino alle porte di una casa famiglia di accoglienza per persone LGBTQIA+.

Diciotto penne arcobaleno, editor, correttori di bozze e una grafica hanno creato, senza alcun compenso personale, quest’antologia di racconti e, in accordo con Gay Center/Gay Help Line, i proventi saranno interamente devoluti a favore della casa famiglia “Refuge Lgbt” di Roma.

1. “Messaggi dal passato” di Eliana Matania Ruggiero
2. “Le stelle conoscono la strada” di Ilari C.
3. “Sogno di un amore immortale” di Francesca Daniele
4. “Palcoscenico” di Annarita Fortini
5. “La paura del buio” di Sara Canepa
6. “La strega e la ninfa” di Flamariel
7. “The show must go on” di Emma J Croft
8. “Un altro finale” di Mary Durante
9. “Anima Mundi” di Melanto Mori
10. “Nanà Satin” di Veronica Reburn
11. “La strada dell’arcobaleno” di Alice V. Longbow
12. “Tauromachia: un racconto dell’Eterna Notte” di Lisa A. Ocean
13. “Come tessere di un puzzle” di Nuel
14. “Per un’ultima volta” di Neko H.
15. “La visita” di Federica Soprani
16. “Du gefällst mir sehr” di Anna Reale
17. “Torte, fiori e nuovi amori” di A. L. Red
18. “Un posto per ricominciare” di F.N. Fiorescato.

Published: 23 Giugno 2022 | Comments: 0

L’ordalia del Bastardo

Casa Editrice Saga edizioni
COLLANA AFRODITE

Titolo: L’ordalia del Bastardo
Serie: Cronache di Daederian #2
Autrice: Federica Soprani
Genere: fantasy
ASIN ebook: B09QH6JYFF
Editore: Saga; 1° edizione (13 gennaio 2022)
Lingua: Italiano
Pagine: 386 pagine
ISBN-13: 979-1280523020

Trama:
Nel regno di Daedarian sembra essere calata una nebbia tragica, che pesa in maniera particolare sulle spalle di Maddox il Bastardo: si tratta del rapimento di Briden.
Maddox il Bastardo sembra stonare con tutto ciò che si trova attorno a lui. Si sente perso, sporco, fuori luogo.
Da quando è scomparso il Sapiente, Maddox e re Uther non si danno pace, nonostante il matrimonio con Madelyn Tinglane prosegua senza particolari problemi.
Solo una notizia può scaldare il cuore del re e del popolo: l’arrivo di un figlio. E il ritrovamento di Briden il Sapiente.
Però, l’odore della guerra continua a riempire l’aria e nessuno è al sicuro…

L’ordalia del Bastardo è il secondo volume della trilogia fantasy delle Cronache di Daederian.

Published: 15 Febbraio 2022

La Chimère, a cura di Giorgio Smojver

Da un intervento di GIORGIO SMOJVER nel gruppo Heroic Fantasy Italia
La Chimère: una guerriera dal volto tagliato in due, un occhio azzurro e uno nero. È l’eroina della saga di Federica Soprani pubblicata su Lost Tales Sword & Sorcery: mutilata nel corpo e nell’anima, implacabile nella vendetta ma capace di ruvida pietà verso gli indifesi, combatte demoni e principi peggiori dei demoni, nella Francia di Caterina de’ Medici, del re pazzo Carlo IX: un paese raffinato e feroce, dove si avvelenava con un profumo e ardevano i roghi di streghe (Jean Bodin membro del Parlamento e giurista, sosteneva che il sospetto la voce popolare erano sufficienti a mandare una donna al rogo); mentre alla corte della Regina Madre alchimisti, avvelenatori ed evocatori del diavolo restavano impuniti. Lo stile di Federica è cristallino, poetico senza falsare con sentimentalismi la crudeltà della storia. Spoiler sul prossimo racconto:
“La Gitza osservava la prigioniera, il modo in cui si ergeva al limitare della stanza sfarzosa, una torre inaccessibile da cui la pioggia seguitava a ruscellare in rivoli neri inzuppando l’orlo esterno del ricco tappeto. Non aveva nulla a che vedere con nessuno dei presenti, né con gli sgherri boriosi che la accompagnavano, né con i fatui gentiluomini e le evanescenti gentildonne che aprivano le loro vesti impalpabili intorno al Conte come ninfee su un laghetto. Indovinò lo sguardo duro, protetto dalle pieghe del cappuccio, concentrato davanti a sé come se nulla di ciò che poteva accadere in quella sala potesse toccarla… Quando il cappuccio fu levato con un gesto secco l’intera sala trattenne un’esclamazione. Anche la Gitza si dovette premere le mani sulla bocca per non lasciarsi sfuggire un grido. Era una donna, ma questo lei l’aveva già compreso, i capelli biondi resi pesanti e scuri dall’acqua che le ricadevano sulla schiena e ai lati del viso. Quel viso… Sembrava che due maschere fossero state tagliate nel mezzo da una lama maldestra e ricucite insieme, per dare la parvenza di un unico volto. Ma non c’era alcuna fissità di maschera in quei lineamenti che mutavano, nelle palpebre che si abbassavano e si alzavano su occhi diseguali per forma e colore, nelle narici che si dilatavano al ritmo del respiro. Metà donna, metà uomo, e nella sua interezza niente e nessuno, o forse un tutto spaventoso nell’ imperfezione della completezza.”
Tavola di Sabrina Normani

Published: 15 Febbraio 2022

Recensioni: L’alchimia degli opposti 1

The nerd family

Leggere  L’alchimia degli opposti di Lucia Guglielminetti e Federica Soprani è stato, per gli amanti dei vampiri come me, un attesissimo ritorno alle origini.

Da anni si rincorrono al cinema e in letteratura alcune tipologie di vampiri che poco o nulla hanno da spartire con il vero archetipo dello strigoi, basti pensare al famosissimo Edward Cullen di Twilight, giusto per fare un esempio.  Per quanto mi riguarda, invece, se cerco di immaginarmi un figlio della notte la mia mente corre a quelli descritti da Anne Rice in “Intervista con il vampiro” o a quelli dei manuali di giochi di ruolo della famosa serie letteraria “The masquerade”, creature pronte a tutto, dedite a intrighi politici, inquiete e inquietanti allo stesso momento. Così sono i protagonisti del libro abilmente scritto dalle due autrici, animali tormentati e angustiati, sospesi tra passato e presente, vittime di nostalgie, rimorsi, rimpianti, anime più afflitte dello stesso miserabile essere umano. L’immortalità le ha sicuramente elevate ma le ha anche per sempre marchiate e corrotte.

Alchimia degli opposti

Alchimia degli opposti

Il romanzo è composto da cinque racconti, posti in costante climax uno dietro l’altro e che riusciranno a soddisfare il palato di ognuno di voi. Nel primo si descrive l’incontro dei due protagonisti, iniziando a delineare le loro principali caratteristiche fisiche e caratteriali e mostrando come i due inizialmente interagiscano tra loro. Piano piano approfondiremo sempre più i punti di forza e le debolezze di Raistan e Guillaume fino ad arrivare all’ultimo racconto, “LSDA” che è quello forse più completo e con il ritmo più sincopato, ricco di azione, suspense e pathos.

Raistan Van Hoeck è olandese ed è tra i due la figura ancora più fortemente legata alle passioni umani. Insicuro, feroce, lunatico conquista al primo incontro l’anima di Guillaume de Joie, francese, elegante e così abile nel controllo di sé da sembrare quasi un alieno. Questi due protagonisti, così diversi e lontani nei loro punti salienti, riescono invece a compenetrarsi e completarsi così perfettamente da non poter più stare uno senza l’altro. E noi insieme a loro. Una delle mie scene preferite si trova nel primo racconto, “Starkillers” in cui i due, sotto l’effetto di una droga, passano la notte a immaginare di sparare alle stelle estinguendo intere galassie. La complicità e l’alchimia tra i due è incredibile ed è intorno a questo concetto, l’alchimia, che ruota tutta la narrazione. Legame unico e raro che non si riscontra solo tra i due personaggi del romanzo ma anche tra le due scrittrici che fondono il loro stile e la loro narrazione in maniera sublime tra le pagine di questo romanzo.

Un unico battito, un unico respiro che ci spinge dall’inizio alla fine, travolti dalla passione e dalla voglia di vita (ironia della sorte) di questi due vampiri, che lasceranno per sempre un segno nel vostro cuore.

«Raistan accolse quella preghiera come un dio benevolo e generoso. Prese tutto il dolore che provava, tutta la paura, tutta la rabbia: dolore per ciò che aveva già perduto e che avrebbe potuto perdere, paura di restare solo ancora una volta ad assistere impotente allo strazio della propria anima, rabbia verso Guillaume per averlo reso così indifeso e verso se stesso per averglielo lasciato fare. Prese tutti questi sentimenti e li strinse tra le mani, sbriciolandoli in polvere finissima, che piovve sul corpo che giaceva sotto di lui

Se non è poesia questa…

-Jess

Published: 14 Febbraio 2022

Recensione: L’alchimia degli opposti

L’alchimia degli opposti di Federica Soprani e Lucia Guglielminetti

L’alchimia degli opposti di Federica Soprani e Lucia Guglielminetti

L'alchimia degli opposti di Federica Soprani e Lucia Guglielminetti

Ciao Books Lovers,

devo assolutamente parlarvi de L’alchimia degli opposti di Federica Soprani e Lucia Guglielminetti edito Saga Edizioni che ringrazio infinitamente della copia che custodirò con molta cura, in attiva di affiancare il primo volume col suo secondo di prossima uscita.

Ci sarebbero tante cose da dire su questo libro, e allo stesso tempo non saprei cosa dirvi per evitare spoiler, ma allo stesso tempo farvi innamorare, come mi sono innamorata io, di Guillaume e Raistan. Eppure, se leggerete il libro, questo succederà sin dal primo capitolo, senza dubbio. Iniziamo magari a parlare del genere.

L’alchimia degli opposti è un urban fantasy, M/M, i quali personaggi sono appunto Guillaume e Raistan, che nel corso della storia verranno affiancati da altri. I due sono vampiri, e quindi premetto anche che ci sarà abbastanza sangue e violenza, come d’altronde ogni storia che coinvolga dei vampiri, non c’erano dubbi su questo.

La vera bellezza del libro però è il modo in cui è scritto. Scorrevole, si legge da solo, ed ha ciò che io preferisco in un libro, dei capitoli corti. Al suo interno invece, è ulteriormente suddiviso in libri. Questo primo volume raccoglie, diciamo, le prime 6 storie, più un racconto natalizio, con protagonisti i nostri due vampiri spietati.

Vi dicevo, la storia prende sin dalle prime pagine perché trasmette curiosità. Da subito vengono introdotti i due protagonisti, e da subito si incontrano, ed è proprio da qui che inizia quello che sarà un lungo e travagliato viaggio per Raistan e Guillaume, l’Olandese e il Francese. Il loro è un rapporto amore e odio, Guillaume palesa da subito il suo interesse nei confronti di Raistan, ma quest’ultimo è il solitorio, sempre burbero, sulle difensive. Sarà bello vedere, pagina dopo pagina, un avvicinamento graduale tra i due, fino alla dipendenza l’uno dall’altro.

L’alchimia degli opposti  è un agglomerato di emozioni. A volte rabbia, a volte gioia, ma in quella pagina, pagina 161, il suo correre, l’abbraccio, in quel momento c’era solo sollievo mentre leggevo quelle parole assuefanti.

Ma come sfondo a questa storia c’è molto più di un amore complicato. Ci saranno molte difficoltà tra i due, esterne ed interne. E vi faccio un piccolo spoiler. Ad un certo punto arriveranno anche dei licantropi. Le sorprese non finiscono mai. Alla fine di ogni capitolo, arrivavo all’ultima parola con la premessa fosse l’ultima, per ritrovarmi poi a leggere un altro capitolo. L’alchimia degli opposti è una bellissima storia, da non sottovalutare.

E al salone del libro ho potuto incontrare Federica Soprani, una delle due autrici, che avevo già amato con Il cammino del sapiente. Conoscerla di persona è stato emozionante perché ho potuto dare un volto e una personalità alla persona che ha creato due delle storie che mi sono piaciute di più questo autunno.

Solo un paragone devo fare con il cammino del sapiente, o meglio col suo stile di scrittura. Questa è stato molto più scorrevole, questo è stato leggermente più lentino, ma ciò non definisce affatto la qualità della storia. 4.5 stelle per L’alchimia degli opposti.

L'alchimia degli opposti di Federica Soprani e Lucia Guglielminetti

Londra, una sera qualunque.
Due antichi vampiri si ritrovano per caso nello stesso locale notturno, uno dei tanti che bazzicano per attenuare la noia di un’esistenza interminabile.
Guillaume de Joie, francese, bello e letale come una meravigliosa pianta carnivora.
Raistan Van Hoeck, olandese, affascinante, feroce, del tutto imprevedibile, e ancora così spaventosamente legato alle passioni umane.
Guillaume non si può sottrarre a una sfida così irresistibile.
Dopo un primo, tempestoso incontro, i due immortali si rendono conto che c’è qualcosa nell’altro che stuzzica la rispettiva curiosità e decidono di approfondire la conoscenza. Scopriranno così un bisogno reciproco che nessuno dei due è disposto ad ammettere. Riusciranno a mettere a tacere i fantasmi del passato che li vogliono condannati alla solitudine eterna?
Tra spaventose disavventure nel mondo degli umani e le insidie della politica vampira, i primi cinque racconti di una vicenda in cui l’alchimia è tutto.

L'alchimia degli opposti di Federica Soprani e Lucia Guglielminetti

L'alchimia degli opposti di Federica Soprani e Lucia Guglielminetti

 

Published: 15 Novembre 2021