Author Archives: admin

Mari Aperti su Genova 24

Su Genova 24 di parla di Mari Aperti

Genova. Il mito, l’immaginazione, l’allegoria, la metafora, il simbolo. Tutto questo è il Fantasy, genere letterario troppo sottovalutato in Italia. Ma queste caratteristiche si applicano anche al mare che pretende, però, il primato di un altro concetto straordinario: la solidarietà.

Nasce così la prima antologia del progetto di narrativa solidale Senza Confine il cui ricavato viene destinato al supporto delle attività della ong Open Arms. Si intitola ‘Mari Aperti’ e contiene 9 racconti e 1 saggio scritti dai maggiori autori di Fantasy italiani. I racconti sono corredati da illustrazioni originali.

Published: 14 Agosto 2020

Mari Aperti: antologia di racconti fantastici

Raccolta benefit in favore di Open Arms alla quale ho partecipato con i mio racconto Gli orfani di Assalung.

Una reliquia rubata nella leggendaria Atlantide, un vascello inviato ad intercettare dei mercanti di schiavi, due mercenarie in battaglie senza respiro tra spade e stregonerie, il legame tra la figlia di un pirata e uno splendido drago delle onde, due mondi che tornano a interconnettersi, una terra che può essere guarita solo da un sacrificio, tre furfanti male in arnese alle prese con una leggendaria isola d’argento, un personaggio che si ribella al suo autore e lo convince a riscrivere la sua storia, le avventure mozzafiato di un gruppo di pirati italici in un Mediterraneo famelico e oscuro e, per chiudere in saggezza, un viaggio nella narrativa fantastica di ambientazione marina.
11 autrici ed autori, 10 illustratrici e illustratori per un volume pieno di storie, d’immagini, di stili, di ambientazioni diverse, destinato a raccogliere fondi per Open Arms e a sostenere il soccorso in mare, mostrando così il volto solidale della narrativa fantastica italiana.

Autori: Alessandro Chiometti, Marta Duò, Andrea Marinucci Foa e Manuela Leoni, Francesco Lanza, Mauro Longo, Maikel Maryn, Jill Parker, Monica Serra, Giorgio Smojver, Federica Soprani

Illustratori: Barbara Aversa, Claudio Calia, Daniela Giubellini, Andrea Piera Laguzzi, MalaSpina, Morgana Marinucci, Viviana Marinucci, Giulia Darcy Rosati, Pietro Rotelli, SoloMacello

Acquistando Mari Aperti darai un contributo concreto all’operato di Open Arms nel salvataggio di vite nel Mediterraneo, infatti il ricavato di ogni acquisto andrà direttamente all’ONG senza passaggi intermedi.

Per conoscere meglio il progetto Senza Confine visita il sito www.senzaconfine.altervista.org
Per conoscere le attività di Open Arms: https://www.openarms.es/it

Published: 27 Luglio 2020

Victorian Solstice volume 2

Nulla che sia innocente può durare, nulla che sia bello.

Londra 1891: Jericho Shelmardine, il medium più chiacchierato di Londra, e Jonas Marlowe, ex ispettore di Scotland Yard, sono soci nell’agenzia investigativa J&J Investigations.

Quando il Visconte di Chelsea e la sua innamorata Boudicca Lovelace si presentano da loro chiedendo aiuto per fuggire da Londra e coronare il proprio sogno d’amore, i due investigatori non possono sapere che si ritroveranno invischiati in una guerra senza quartiere tra la più potente organizzazione criminale dell’East End e la cellula più oscura e subdola dei servizi segreti britannici. Ma loro sono abituati alle sfide impossibili.

Come quando Mary Kelly, prostituta di Whitechapel, offre loro tutti i suoi risparmi per rintracciare il mostro di cui è innamorata, l’Orco. Dal passato di Jonas riemerge una vecchia conoscenza, Harper McLeay, e la trama s’infittisce, fino a un epilogo degno di un romanzo gotico. Ma chi sceglierà alla fine la bella tra il mostro e l’eroe?

Jonas e Jericho, paladini dei perduti, custodi dei dimenticati, sono rassegnati a dover fronteggiare solo casi insoliti. Ma forse è l’unico modo che hanno per pareggiare i conti col passato e costruire un nuovo futuro, insieme.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.victoriansolstice.it

Published: 18 Giugno 2020

Il cammino del Sapiente – Recensione di Persefone per Feel the Book

Revisionato in Italia il 20 gennaio 2020

Formato: Formato Kindle
Bellissimo: posso definire questo libro solo così.

Leggere quest’opera è stato un unico vero piacere, un viaggio nella poesia di dettagliate descrizioni, di immagini vivide, di personaggi ricchi e complessi, con personalità di valore. La Soprani ci porta in un mondo fantasy assolutamente credibile in cui, almeno in questo volume, sono gli uomini e i loro pensieri a dominare.

Profondamente diversi l’uno dall’altro i protagonisti si “intersecano” completandosi come il reticolo di vicoli che corre nella fortezza dove l’autrice ha ambientato la storia, ricchi di colori come i boschi che circondano la città, colori che vibrano come la passione che li unisce.

Tre uomini, tre vite, tre destini che il fato lega in maniera indissolubile.

Questo non è un libro fatto di azioni eclatanti, è una storia creata da pensieri, riflessioni, gesti, una storia di un re e dei suoi amori.

Uther è un uomo d’azione, un uomo che non si nega nulla, violento e irruento nella vita come nell’amore e nel sesso; insofferente ai doveri di corte rincorre le sue passioni e segue il suo istinto anche se lo conduce all’eccesso.

Il suo fratellastro, Maddox il Bastardo, gli tiene testa. La passione, il loro passato, le violenze che hanno affrontato, hanno creato tra loro un legame indissolubile. Il sentimento che li unisce brucia come il fuoco. Maddox è l’amico fedele, l’amante appassionato, l’innamorato geloso, l’uomo che mai abbandonerà il suo re.

Infine Briden. Si era allontanato dalla sua famiglia per una vita di studi ma il dover intercedere proprio con re Uther lo porta in un mondo che non condivide. Uther lo attrae, lo ipnotizza, lo attira a sé e Briden si fa fagocitare in un triangolo in cui catalizza le attenzioni dei fratelli. Briden è la mente e il cuore, la sua mancanza e intollerabile.

Per tutti il finale è una sferzata alla storia; il cliffhanger ci trascina in un buio che solo il prossimo libro potrà dissipare

Aspetto, tremo ma aspetto.

Editing a cura di Ash.

Published: 26 Gennaio 2020

Il cammino del Sapiente – recensione di Lucia Eva Sistro

La trinità di una trilogia.
Un lupo nero famelico, imprigionato nei limiti di un ruolo dorato. Un Re.
Una volpe argentata irrequieta, combattuta tra l’essere lì o altrove. Un guerriero.
Un diamante grezzo curioso, inconsapevole del suo valore e dei suoi bisogni. Un sapiente.
Nel legame profondo tra Uther e Maddox – fusione indissolubile tra un vissuto di sofferenza e un sentimento travolgente – si inserisce in punta di piedi Briden – che con la sua sincerità ed i suoi modi poco ortodossi porterà una ventata d’aria pura alla Corte degli inganni e delle apparenze – fino ad una triplice dipendenza emotiva, e non solo.
La narrazione coinvolge per intensità e delicatezza, ammalia per raffinatezza e potenza.
L’autrice sa scrivere bene, ormai ne ho la conferma: la capacità introspettiva di sviscerare l’anima; l’apparente facilità con la quale riesce a rendere vive le ambientazioni con poche pennellate sensoriali; la caratterizzazione scrupolosa dei personaggi; il centellinare informazioni durante il percorso, per finire con un colpo di scena che mette in pausa le Cronache di Daederian.

Published: 26 Gennaio 2020