Monthly Archives: Gennaio 2020

Il cammino del Sapiente – Recensione di Persefone per Feel the Book

Revisionato in Italia il 20 gennaio 2020

Formato: Formato Kindle
Bellissimo: posso definire questo libro solo così.

Leggere quest’opera è stato un unico vero piacere, un viaggio nella poesia di dettagliate descrizioni, di immagini vivide, di personaggi ricchi e complessi, con personalità di valore. La Soprani ci porta in un mondo fantasy assolutamente credibile in cui, almeno in questo volume, sono gli uomini e i loro pensieri a dominare.

Profondamente diversi l’uno dall’altro i protagonisti si “intersecano” completandosi come il reticolo di vicoli che corre nella fortezza dove l’autrice ha ambientato la storia, ricchi di colori come i boschi che circondano la città, colori che vibrano come la passione che li unisce.

Tre uomini, tre vite, tre destini che il fato lega in maniera indissolubile.

Questo non è un libro fatto di azioni eclatanti, è una storia creata da pensieri, riflessioni, gesti, una storia di un re e dei suoi amori.

Uther è un uomo d’azione, un uomo che non si nega nulla, violento e irruento nella vita come nell’amore e nel sesso; insofferente ai doveri di corte rincorre le sue passioni e segue il suo istinto anche se lo conduce all’eccesso.

Il suo fratellastro, Maddox il Bastardo, gli tiene testa. La passione, il loro passato, le violenze che hanno affrontato, hanno creato tra loro un legame indissolubile. Il sentimento che li unisce brucia come il fuoco. Maddox è l’amico fedele, l’amante appassionato, l’innamorato geloso, l’uomo che mai abbandonerà il suo re.

Infine Briden. Si era allontanato dalla sua famiglia per una vita di studi ma il dover intercedere proprio con re Uther lo porta in un mondo che non condivide. Uther lo attrae, lo ipnotizza, lo attira a sé e Briden si fa fagocitare in un triangolo in cui catalizza le attenzioni dei fratelli. Briden è la mente e il cuore, la sua mancanza e intollerabile.

Per tutti il finale è una sferzata alla storia; il cliffhanger ci trascina in un buio che solo il prossimo libro potrà dissipare

Aspetto, tremo ma aspetto.

Editing a cura di Ash.

Published: 26 Gennaio 2020

Il cammino del Sapiente – recensione di Lucia Eva Sistro

La trinità di una trilogia.
Un lupo nero famelico, imprigionato nei limiti di un ruolo dorato. Un Re.
Una volpe argentata irrequieta, combattuta tra l’essere lì o altrove. Un guerriero.
Un diamante grezzo curioso, inconsapevole del suo valore e dei suoi bisogni. Un sapiente.
Nel legame profondo tra Uther e Maddox – fusione indissolubile tra un vissuto di sofferenza e un sentimento travolgente – si inserisce in punta di piedi Briden – che con la sua sincerità ed i suoi modi poco ortodossi porterà una ventata d’aria pura alla Corte degli inganni e delle apparenze – fino ad una triplice dipendenza emotiva, e non solo.
La narrazione coinvolge per intensità e delicatezza, ammalia per raffinatezza e potenza.
L’autrice sa scrivere bene, ormai ne ho la conferma: la capacità introspettiva di sviscerare l’anima; l’apparente facilità con la quale riesce a rendere vive le ambientazioni con poche pennellate sensoriali; la caratterizzazione scrupolosa dei personaggi; il centellinare informazioni durante il percorso, per finire con un colpo di scena che mette in pausa le Cronache di Daederian.

Published: 26 Gennaio 2020